Altromercato dedica un mese ai Legumi, nell'Anno Internazionale FAO

Pubblicato il: 17/02/2016
Autore: Redazione GreenCity

In occasione dell’Anno Internazionale dei Legumi, dal 18 febbraio al 19 marzo, un mese dedicato ai semi fulcro di un’alimentazione sana e di uno stile di vita sostenibile.

Nell’Anno Internazionale dei Legumi, proclamato dalla FAO, dal 18 febbraio al 19 marzo 2016, Altromercato – la maggiore organizzazione di Commercio Equo e Solidale in Italia (www.altromercato.it) – dedica un mese alla scoperta del bello e del buono di questi “semi nutrienti per un futuro sostenibile”.
I legumi Altromercato sono prodotti speciali e biodiversi. Provengono da filiera equosolidale, corta e diretta, perché sono fatti da piccole produzioni ecologicamente e socialmente responsabili, in Italia e nel Sud del Mondo.
Altromercato li segue dal seme alla tavola, per garantire la certezza della qualità e il rispetto dei diritti delle persone e dell’ambiente. I legumi fanno bene a chi li consuma, per la bontà e le straordinarie proprietà nutritive, che li rendono una valida alternativa alle proteine di origine animale e centro di un’alimentazione sana, corretta e gustosa, che incontra sempre più consumatori esigenti e orientati a diete vegane e vegetariane.
Fanno bene alla terra, perché la loro coltivazione ha un basso impatto ambientale, migliora la fertilità del suolo e la produttività dei terreni agricoli, riduce la quantità di fertilizzanti sintetici necessari e l’emissione di gas serra. In più, i legumi Altromercato fanno bene anche a chi li produce, perché sono fatti nel rispetto dei principi del fair trade: salari e prezzi equi, continuità nelle relazioni, tutela dei diritti contro ogni sfruttamento delle condizioni lavorative e della terra. 
Sono tre le varietà di Fagioli autoctoni della valle di Manduriacos in Ecuador: Neri, particolarmente nutrienti, Allegri, che crescono in nove colori diversi sulla pianta, e Bayo, dal colore rosso rosato e sapore nocciolato. Vengono coltivati ed essiccati a circa 1000 metri di altitudine da 600 famiglie di 14 comunità meticce e afro ecuadoriane che collaborano con la Corporaciòn Talleres del Gran Valle.
 Sono invece coltivati in Italia e fanno parte del Solidale Italiano Altromercato le lenticchie e i ceci, prodotti con metodo biologico sulle colline umbro-marchigiane, e le cicerchie, tipiche della tradizione contadina e per anni elemento di base della dieta mediterranea, coltivate da cooperative che gestiscono terreni confiscati alla mafia. Fino ad arrivare alle papads, sottili sfoglie salate a base di farina di legumi indiani, facili da cucinare e golose da gustare accompagnate da salse o mix speziati. 
Altromercato propone i legumi insieme agli altri protagonisti di una alimentazione sostenibile e gustosa: alle tante varietà di riso bio - basmati, thay, java - alla quinoa di diversi colori, all’amaranto, al couscous, a una gamma vastissima di spezie in confezioni di carta fatta a mano, dalla curcuma allo zenzero, dallo zafferano marocchino ai masala indiani, fino alle erbe aromatiche bio dei monti iblei, in Sicilia.  
Dal 18 febbraio al 19 marzo, Altromercato invita a scoprire i legumi come fulcro di un’alimentazione corretta, gustosa e piena di vita per uno stile più sostenibile. Nelle Botteghe Altromercato aderenti in tutta Italia, chi acquisterà insieme legumi, cereali e spezie riceverà una Guida con i consigli di una nutrizionista, ricette golose e idee quotidiane originali.

Categorie: Green Life

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: