Hyundai ix35 Fuel Cell: consegnato il primo SUV a idrogeno all’Arma dei Carabinieri

Pubblicato il: 21/09/2017
Autore: Redazione GreenCity

Per la prima volta in Italia, un’auto alimentata a idrogeno entra a far parte della flotta di un Corpo delle Forze Armate: rifornimento in pochi minuti, un’autonomia di quasi 600Km, emissioni ridotte al solo vapore acqueo.

Hyundai ix35 Fuel Cell è il primo veicolo alimentato a idrogeno in uso alle forze di polizia italiane. A partire da oggi, infatti, la Legione dei Carabinieri Trentino Alto Adige amplia la sua flotta con una Hyundai ix35 Fuel Cell, prima auto a idrogeno al mondo prodotta in serie e appositamente allestita per il Corpo dei Carabinieri.
La consegna ufficiale della ix35 Fuel Cell, donata all’Arma da Autostrada del Brennero, è avvenuta oggi nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso l’Istituto per Innovazioni Tecnologiche di Bolzano, alla presenza del Generale Massimo Menniti e dell’Amministratore Delegato di Autostrada del Brennero, Walter Pardatscher.
Risultato di anni di studi e ricerche, ix35 Fuel Cell rappresenta la terza generazione di Hyundai a idrogeno. La vettura garantisce un’autonomia massima di quasi 600 km con un pieno di idrogeno, con emissioni limitate al solo vapore acqueo generato dalle celle combustibili - unito al vantaggio di poter effettuare un rifornimento in pochi minuti.
Oggi Hyundai ix35 Fuel Cell è distribuita in 18 Paesi nel mondo, diverse centinaia circolano attualmente sulle strade d’Europa – 11 di queste proprio in Alto Adige.
Le Hyundai ix35 Fuel Cell in circolazione a Bolzano, insieme agli autobus a celle a combustibile, hanno permesso di raggiungere quest’anno l’importante traguardo di 1 milione di chilometri percorsi a emissioni zero in Alto Adige: l’Istituto per Innovazioni Tecnologiche di Bolzano (IIT) ha inaugurato meno di 3 anni fa la prima stazione di rifornimento H2 ricavato esclusivamente da fonti energetiche rinnovabili. Grazie all’utilizzo dell’idrogeno si è evitata l’emissione di oltre 1.000 tonnellate di CO2.

Categorie: Mobilità

Cosa pensi di questa notizia?

Canali Social: