Ambiente e solidarietà: nascono due nuovi frutteti solidali in Sicilia

Pubblicato il: 31/08/2021
Autore: Redazione GreenCity

120 nuove piante di limoni, fichi e melograni, capaci di assorbire 60 tonnellate di CO2: questi i numeri dei due Frutteti Solidali realizzati sul territorio siciliano da P&G Italia e New FDM – Crai Sicilia, con il supporto operativo di AzzeroCO2, nell'ambito del programma di cittadinanza d'impresa "P&G per l'Italia".

Operare in modo responsabile e secondo princìpi etici, sostenendo buone cause per costruire un futuro sostenibile e inclusivo. Sono questi i binari su cui si muove l'operato di Procter & Gamble che in tutto il Paese sta realizzando progetti concreti di responsabilità sociale e sostenibilità ambientale nell'ambito del programma di cittadinanza d'impresa "P&G per l'Italia".  
Un impegno ad ampio raggio che ha raggiunto anche le campagne siciliane con il Frutteto Solidale di Modica, realizzato da P&G Italia e New FDM – Crai Sicilia con il supporto operativo di AzzeroCO2, Società di Servizi Energetici e Ambientali partecipata da Legambiente e Kyoto Club. 
Presso la Fattoria Sociale e Didattica "Don Tonino Bello" (in Contrada Minciucci), gestita dalla Cooperativa Sociale A. Portogallo, che si occupa di offrire supporto alle persone svantaggiate o con disabilità attraverso attività formative, ricreative e occupazionali, sono stati piantumati dieci alberi di limoni pronto effetto e 50 piantine di melograni e fichi, che, oltre a produrre frutti, nell'arco della loro vita contribuiranno anche ad assorbire 30 tonnellate di CO2. Saranno i ragazzi della Cooperativa a curare il nuovo Frutteto, che si sviluppa su un'area di oltre 500 mq
Un polmone verde in cui coltivare attenzione per l'ambiente, per le persone e per il territorio, a cui si affianca un secondo Frutteto Solidale, con altre 60 piante, a Catania, presso l'Azienda Agricola Ciuri del Consorzio "Le Galline Felici", che da sempre mette al centro del suo operato il rispetto per la natura e per le persone. 
A scegliere i siti in cui sorgono questi giardini di sostenibilità ambientale e sociale sono stati gli stessi italiani, partecipando alla campagna "Porta il verde nella tua regione", con cui P&G Italia, in collaborazione con AzzeroCO2, si è impegnata a piantare un albero per ogni prodotto Herbal Essences - il marchio di P&G per la cura dei capelli, che da sempre si impegna per preservare e far conoscere la diversità delle piante tutelandone la loro essenza - acquistato nelle insegne partner. 
Ad oggi, con questa campagna, oltre ai Frutteti Solidali in Sicilia, sono già stati realizzati altri due progetti di riforestazione e rigenerazione urbana: uno a Reggio Emilia e uno a Santa Marinella, comune della città metropolitana di Roma sul litorale tirrenico. In ciascuna località sono stati messi a dimora 500 alberi, con un assorbimento stimato di CO2 pari, complessivamente, a circa 990 tonnellate. I progetti di forestazione sono stati realizzati nel pieno rispetto dei criteri di biodiversità e tutela del paesaggio, considerando la specificità del territorio (con utilizzo di specie autoctone e, laddove possibile, di piante pioniere), il miglioramento paesaggistico, la conservazione della biodiversità (mediamente, sono impiegate almeno 2 specie arboree e diverse specie arbustive) e la sostenibilità sociale, affinché tutte le aree forestali possano essere visitate e vissute dalla comunità come spazi di svago e di benessere.
A Reggio Emilia l'intervento di P&G e AzzeroCO2 ha contribuito all'avanzamento di un più ampio progetto di riqualificazione del Comune volto a incrementare la superficie verde, mitigare gli effetti delle isole di calore e contribuire al miglioramento delle condizioni ambientali del territorio municipale: i 500 alberi, tra aceri, ornielli, farnie, frassini e carpini, messi a dimora su un'area di 1,1 ettari, fanno ora parte del "Parco Bricchetti", che sta restituendo ai cittadini un bene riqualificato e valorizzato con zone ricreative, adatte a passeggiate e sport all'aperto grazie anche alle nuove zone d'ombra che le piante creeranno.
A Santa Marinella, invece, i 500 alberi di roverella, orniello e acero campestre formano un bosco di un ettaro nelle vicinanze delle scuole medie del Comune, che, oltre a migliorare la qualità dell'aria e l'estetica del paesaggio circostante, offre un'importante funzione educativa, con la possibilità di organizzare delle passeggiate didattiche per conoscere le specie presenti, e crea habitat particolarmente apprezzati dalla fauna locale che trova rifugio e cibo nel bosco.
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: