Merano: dai primi di ottobre alla fine di novembre cucina locale, passeggiate e il piacere di stare insieme

Pubblicato il: 29/09/2021
Autore: Redazione GreenCity

Le persone si ritrovano per una passeggiata nella natura, lungo un sentiero o una strada che porta a un Buschenschank, ovvero un maso contadino dove in questo periodo si servono piatti della tradizione, o nelle antiche stube o nei giardini prospicenti la casa.

Castagne arrostite, passeggiate autunnali e vino novello: la più amata tradizione di Merano e di tutto l'Alto Adige, torna in autunno con i suoi inimitabili colori pastello.
Lungo le vie della città sono tanti i posti dove assaggiare le caldarroste, mentre, tutto intorno, la natura si colora di ogni sfumatura del giallo, rosso e arancione. La varietà naturale di piante consente poi una moltitudine di tinte, rendendo i giardini e i parchi della città dei quadri policromi.
Si avvia a conclusione anche il momento del raccolto che qui, in questa terra, è rappresentato principalmente da mele, uva e castagne.
I piatti caratteristici di questa tradizione sono: zuppa di orzo, Schlutzkrapfen (ravioli ripieni), speck, Kaminwurzen (salamini), formaggio e pane casereccio, oltre al famoso Schlachtplatte, il piatto con salsicce, costolette, carne in salamoia, prosciutto affumicato e crauti, il tutto ovviamente fatto nella cucina di casa. Per finire, krapfen dolci e caldarroste, tutto accompagnato dal vino novello.
Questa usanza ha un nome, il Törggelen; ecco quattro consigli per trascorrere questo momento a Merano:
1. Prenotare in anticipo, i posti sono limitati e non viene proposto tutti i giorni.
2. Non prendere l'automobile e raggiungere i masi con una passeggiata.
3. Al Törggelen è permesso mangiare con le mani. Magari non tutto, ma almeno le costolette, le salsicce e, ovviamente, le castagne.
4. Abbigliamento comodo per mangiare, ma anche scarpe adatte alla passeggiata.

L'elenco dei ristoranti per il Törggelen a Merano può essere richiesto via e-mail a info@meran.eu 

L'offerta gastronomica a Merano si basa sull'incontro fra la cultura mediterranea e i sapori caserecci della tradizione alpina. A Merano si trovano ristoranti stellati Michelin ma anche trattorie e cantine, ovunque l'ingrediente principale è sempre l'altissima qualità delle materie prime degli agricoltori locali. Le eleganti pasticcerie invitano a concedersi piccoli sfizi e le castagne diventano protagoniste, come nei deliziosi cuori di castagna, fatti di purea di castagna, zucchero a velo, rivestiti di cioccolato amaro.






Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: