Ecco gli ECOgames, i videogiochi lanciati da Hera per educare alla raccolta differenziata

Pubblicato il: 13/12/2021
Autore: Redazione GreenCity

Gli ECOgames sono la prima serie di videogames programmati per educare grandi e piccoli alla pratica della raccolta differenziata, attraverso giochi, sfide e quiz gratuiti.

Il gruppo HERA ha puntato sulle giovani generazioni ingaggiando il programmatore Samuele Sciacca, classe ‘97, e Manolo Saviantoni, pixel artist (in arte The_Oluk) classe ‘80, per realizzare gli ECOgames, strumenti innovativi e divertenti per sensibilizzare in maniera ludica sui grandi temi ambientali che stiamo vivendo, a partire dalla raccolta differenziata dei rifiuti. 
Gli ECOgames si distinguono per il look anni ’80 e sono capaci di catturare l’attenzione di diverse generazioni, accomunate dal desiderio di contribuire alla tutela dell’ambiente a partire dalla corretta raccolta dei rifiuti con una corretta divulgazione ambientale tramite tecniche di edutainment. Gli ECOgames, infatti, hanno un aspetto retrò ma accattivante e sono attivi nei comuni in cui il Gruppo Hera gestisce i servizi ambientali (Bologna, Modena, Ferrara, Ravenna, Cesena, Rimini, Trieste, Padova, Pesaro e Urbino).
Includono giochi di memoria (Memory), un labirinto ecologico e una sezione dedicata alla suddivisione dei rifiuti (la “Caduta”), il tutto sempre seguendo le regole tecniche e operative delle singole città.
 
Il primo gioco, Memory, prevede che il giocatore, dopo aver individuato la coppia di rifiuti uguali, li butti nel cassonetto idoneo a seconda del materiale. Nel labirinto, invece, bisognerà impegnarsi per trovare la strada giusta e portare ogni rifiuto nel proprio contenitore. Infine, la caduta dei rifiuti: il giocatore si allenerà per migliorare la propria raccolta inserendo ogni rifiuto che trova caduto vicino a sé nel cassonetto specifico. Ogni sezione mira ad allenare le abilità e la memoria del giocatore, affinché questo sappia rispondere alle domande finali e impari le regole della raccolta dei rifiuti. 
Per giocare è sufficiente registrarsi nella pagina dedicata e selezionare la regione e la provincia di residenza: per ciascuna delle province, infine, è prevista una classifica territoriale, che suddivide i giocatori in Apprendisti, Informati, Consapevoli ed Esperti, a seconda del punteggio e quindi della conoscenza e sensibilità accumulate durante le sfide. Chi guadagnerà più punti e scalerà le classifiche aggiudicandosi il primo posto riceverà uno dei premi green: uno zaino con una shopper in cotone riciclato, una felpa, una t-shirt, dei semi di basilico o prezzemolo, una pianta di girasole o un adesivo laminato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: