Esperienze estive a contatto con la natura a Lana in Alto Adige

Pubblicato il: 09/05/2022
Autore: Redazione GreenCity

Il verde della vegetazione presente ovunque nella regione di Lana dispone al rilassamento e al rilascio degli ormoni della felicità, che contribuiscono a rafforzare le difese immunitarie.

La regione di Lana è un territorio molto vario dal punto di vista naturalistico: gli ordinati filari dei meleti convivono con i boschi folti dalla vegetazione spontanea, il torrente Valsura incontra l’impetuoso fiume Adige e le soleggiate valli si fondono con le imponenti montagne.
Prendersi il proprio tempo, rallentare i ritmi e stare a contatto con la natura hanno un effetto assolutamente benefico sulla nostra salute. Per fare ciò, c’è 
Monte San Vigilio, che rappresenta “la montagna” della regione di Lana, un paradiso escursionistico sia d’estate che d’inverno. Nella sua vastità, infatti, si snodano una serie di cammini panoramici di difficoltà medio-bassa, che attraversano boschi profumati di larici, ristoranti e malghe, luoghi di culto e di interesse naturalistico. L’antica Chiesetta di Monte San Vigilio con i suoi affreschi, la malga Bagno dell’orso dove sgorgano sorgenti di acqua minerale curativa, il biotopo “lago nero” dove è possibile pescare e rilassarsi in un silenzio avvolgente, sono mete da non perdere.
Camminando su Monte San Vigilio, si prova un grande senso di libertà e di tranquillità, grazie alla natura incontaminata che fa sentire la propria imponenza stimolando la riflessione e la consapevolezza di se stessi. Monte San Vigilio, infatti, non è accessibile alle auto ed è raggiungibile fino a 1500 metri attraverso la storica funivia, in circa 8 minuti da Lana. Proprio perché isolato dal traffico, è una destinazione specialeancora incontaminata, che si presta molto a pratiche di benessere come la meditazione, lo yoga, la Forest Therapy, che mira a migliorare la salute fisica e sociale rafforzando la connessione con la natura e il Forest Bathing, “bagno di foresta”.
l “bagno di foresta” è una pratica giapponese (“Shinrin-Yoku” è il nome originale) che consiste nell’immergersi nei boschi attraverso i 5 sensi per liberarsi dall’ansia e dallo stress. È anche una terapia preventiva con effetti benefici comprovati scientificamente: riduce le concentrazioni di cortisolo nel corpo, rinforza il sistema immunitario, regola la pressione arteriosa e il battito cardiaco e abbassa il colesterolo. Lo “Shinrin-Yoku” si pratica in molti modi, ma quello più tradizionale è la passeggiata con meditazione nel bosco o nella foresta. Il bagno nella foresta è una pratica anche molto rigenerante che aumenta il benessere fisico e mentale perché aiuta a focalizzare la concentrazione sull’essenziale, eliminando tutto il superfluo che spesso distrae. Osservare il miracolo della natura, camminare sul morbido tappeto del bosco annusando il profumo resinoso di legno, foglie e muschio, ascoltando il rumore dello scricchiolio dei rami, percepire il soffio leggero del vento che sfiora il viso, avvicina al mistero profondo della natura ed è fonte di immenso benessere.
Monte San Vigilio è un luogo idilliaco che favorisce questo tipo di esperienza di profonda comunione con la natura. Inoltre, il suo bosco ha alberi secolari con una energia speciale per l’anima e con una vita da raccontare e trasmettere, se ci si dispone all’ascolto.
Forest Bathing e la Forest Therapy su Monte San Vigilio da diverso tempo riscuotono un enorme successo: i nuovi partecipanti aumentano, mentre molti ripetono più volte l’esperienza che trovano di grande beneficio per raccogliere nuove energie.
Il vigilius mountain resort, situato proprio su Monte San Vigilio, propone ai suoi ospiti, all’interno del programma move&explore, il bagno nella foresta come momento per trovare pace interiore, ispirazione e gioia, percependo consapevolmente il contatto con il bosco.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: