Con Gallo Rosso si gustano i sapori autentici della cucina contadina dell’Alto Adige

Pubblicato il: 28/07/2023
Autore: Redazione GreenCity
Gallo Rosso è il nome del marchio che dal 1998 promuove e favorisce l’attività di ormai 1.600 agriturismi in Alto Adige e che appartiene all’Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Sudtirolesi (Südtiroler Bauernbund). Sin dalle origini lo scopo principale di Gallo Rosso è sostenere i contadini dei masi nello sviluppo di attività da affiancare all’agricoltura.
Uno dei 4 pilastri di Gallo Rosso, insieme agli agriturismi, ai prodotti di qualità e all’artigianato, sono le osterie contadine in quanto luoghi in cui la cucina tradizionale e autentica della cultura contadina viene mantenuta e tramandata.
Le antiche ricette, la stagionalità, gli ingredienti a chilometro zero, sono tutti valori che appartengono al patrimonio culinario rurale altoatesino e che Gallo Rosso intende preservare.
Nell’edizione 23/24 del catalogo dedicato alle migliori osterie contadine (25 in tutto), che offrono l’autenticità nei loro piatti, “Masi con Gusto”, in 64 pagine sono descritti 8 Hofschank, osterie in cui vengono serviti piatti di carne proveniente dal maso di montagna dei contadini che le gestiscono, e 17 Buschenschank, dove si beve vino di produzione propria, degustato e descritto dagli esperti del Centro sperimentale Laimburg e dal gruppo di lavoro viticoltura dell’Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Sudtirolesi.
Buschenschank e Hofschank sono entrambi emblemi della straordinaria ospitalità dei contadini altoatesini; quelli a marchio Gallo Rosso, in aggiunta, garantiscono una qualità di alto livello. L’80% dei prodotti, infatti, proviene dal maso o da un’azienda agricola situata in Alto Adige; i piatti che vengono serviti non possono essere precotti, ma solo cucinati al momento; gli ospiti possono scegliere tra almeno 3 succhi di produzione propria; è vietata la vendita di bevande industriali.
I Buschenschank Gallo Rosso in Alto Adige sono noti anche per il Törggelen, l’antica usanza altoatesina che si inaugura ogni anno il primo sabato del mese di ottobre, accendendo il falò delle castagne (“Keschtn”), che, nel clima mite dell’Alto Adige, maturano nello stesso tempo dell’uva.
Solo nei Buschenschank è offerto il Törggelen, perché sono masi che si trovano nella classica zona vinicola della Valle dell’Adige e della Valle d’Isarco. Questi masi hanno tutti un torchio per l’uva nella cantina, da cui deriva anche il nome “Törggelen”, dal latino “torculus”, ossia, torchio per l’uva.
Gli ospiti dei Buschenschank hanno così l’opportunità di assistere a questa importante tradizione, mentre i contadini e le contadine raccontano del maso, del vino e delle caldarroste.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Green Life

Tag:

Canali Social: