Greenpeace: muri della morte, pratica di pesca distruttiva che minaccia l’oceano indiano

Pubblicato il: 19/04/2021
Autore: Redazione GreenCity

I "muri della morte", noti in Italia come spadare, continuano ad essere ampiamente impiegate nell'Oceano Indiano dove le popolazioni di squalo, anche a causa di queste pratiche, sono crollate di quasi l'85 per cento negli ultimi cinquant'anni. 

Greenpeace, impegnata in Oceano Indiano nordoccidentale con la propria nave Artic Sunrise, denuncia come pratiche di pesca distruttive e non regolamentate in alto mare minaccino la salute degli oceani. I governi continuano a non agire per fermare il saccheggio dei nostri oceani, mentre risorse fondamentali per le comunità costiere e preziose specie marine stanno diminuendo drammaticamente a causa della pesca eccessiva. 
Le reti derivanti d'altura, conosciute anche come "muri della morte" e bandite dalle Nazioni Unite trent'anni fa, sono strumenti particolarmente pericolosi per specie marine come tartarughe e cetacei.
Questi sono alcuni dei dati contenuti nel nuovo rapporto di Greenpeace International "High Stakes: The environmental and social impacts of destructive fishing on the high seas of the Indian Ocean".  
gp1suxj2 medium res
Con la nave Artic Sunrise Greenpeace ha documentato in Oceano Indiano nordoccidentale l'uso di reti derivanti: ben sette barche sono state filmate mentre calavano muri di reti di oltre 21 miglia di lunghezza causando la cattura "accidentale" di specie in pericolo come le enormi mante conosciute come "diavoli di mare".
Greenpeace ha inoltre potuto verificare come la pesca
ai calamari è in rapida espansione con oltre cento pescherecci che operano nell'area senza regolamentazione internazionale. L'influenza dell'industria europea si fa sentire e impedisce di prendere misure serie per contrastare la pesca eccessiva mentre specie come il tonno pinna gialla potrebbero vedere le proprie popolazioni arrivare al collasso già nel 2024. Una pesca ben gestita è fondamentale per la sicurezza alimentare delle comunità costiere di tutto il mondo, in particolare nel Sud del mondo.
Le popolazioni intorno all'Oceano Indiano rappresentano il 30 per cento dell'Umanità e l'oceano fornisce la principale fonte di proteine a ben tre miliardi di persone.
 Il rapporto rivela anche come pratiche di pesca distruttive, in particolare i dispositivi di aggregazione per pesci (noti come FAD) dispiegati dalle flotte industriali europee impegnate nella pesca al tonno nella regione, stiano trasformando gli habitat dell'Oceano Indiano occidentale a una scala senza precedenti, dove circa un terzo delle popolazioni ittiche commerciali è ormai sovrasfruttato.
L'Oceano Indiano rappresenta circa il 21 per cento delle catture mondiali di tonno, rendendola la seconda regione più grande per la pesca del tonno, che poi arriva ai consumatori di tutto il mondo, anche sulle nostre tavole.
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: