Studio: ecco come virus e batteri possono raggiungere i pozzi di acqua potabile

Pubblicato il: 05/05/2021
Autore: Redazione GreenCity

A Milano e Berlino un team di ricercatori ha analizzato il trasporto di microorganismi nella filtrazione golenale.

Ricavare acqua potabile senza sprechi di risorse è una delle sfide del futuro, soprattutto in un contesto di crescente scarsità di acqua come nell’area mediterranea. Uno studio congiunto tra ricercatori del Politecnico di Milano e dell’Università Tecnica di Berlino (TUB) ha evidenziato le potenzialità della filtrazione golenale indotta, un metodo per ricavare acqua potabile già adottato in vari Paesi del mondo, con esempi di spicco in Europa, Stati Uniti e parte dell’Africa. A Berlino, ad esempio, circa la metà dell’acqua potabile viene ricavata attraverso questo metodo. 
Il lavoro, pubblicato di recente sulla rivista internazionale Water Resources Research (https://doi.org/10.1029/2020WR027911), mira ad approfondire le conoscenze dei processi di filtrazione golenale e a migliorare le capacità predittive dei modelli che descrivono il trasporto di microorganismi in questo contesto. Lo studio si propone di analizzare come virus e batteri possono raggiungere pozzi d’acqua potabile, con il fine di valutare il livello di efficacia di tale metodo di filtrazione per la sicurezza dell’uomo.
Al progetto, finanziato dal Deutsche Bundesstiftung Umwelt (Fondazione Federale Tedesca per l’Ambiente) e guidato dalla Prof.ssa Irina Engelhardt, docente di idrogeologia all’Università Tecnica di Berlino, hanno preso parte anche il Prof. Alberto Guadagnini e la Prof.ssa Monica Riva del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale del Politecnico di Milano.
La filtrazione golenale indotta è un metodo naturale per l’approvvigionamento di acqua potabile, tipicamente utilizzato in aree popolate localizzate lungo fiumi o laghi, con accesso limitato alle acque sotterranee. L’approccio consiste nello sfruttare i vantaggi della filtrazione naturale dell’acqua attraverso le sponde dei fiumi o laghi in modo tale da contenere la carica di microorganismi nell’acqua che viene poi estratta dal sottosuolo mediante pozzi situati in prossimità del corpo idrico superficiale.
In Europa esistono oltre 100 impianti di filtrazione golenale, la maggior parte dei quali situati in Paesi dell’Europa settentrionale e centrale (specialmente in Germania, Paesi Bassi, Francia e Finlandia). In Germania la quantità di acqua potabile prodotta a livello regionale tramite filtrazione golenale è considerevole. Al contrario, la filtrazione golenale indotta non è particolarmente diffusa nei Paesi del Mediterraneo. In Italia questo approccio viene adottato a Lucca (Toscana), lungo il fiume Serchio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: