Spreco alimentare in crescita del 15% a causa della pandemia

Pubblicato il: 22/07/2021
Autore: Redazione GreenCity

Secondo l’ultima edizione dell'Osservatorio Metronomo, nel 2020 lo spreco alimentare è cresciuto del 15% da parte del 44% delle aziende. Ad aver patito maggiormente è stata la filiera del fresco con il 41% di frutta e verdura disperso

Preoccupante la fotografia scatatta dall'ultima edizione dell'Osservatorio Metronomo sullo spreco alimentare a seguito della pandemia. La ricerca, che Metro Italia commissiona annualmente alla Scuola Superiore Sant'Anna, ha rilevato, infatti, una crescita dello spreco alimentare del 15% da parte del 44% delle aziende intervistate. A patire maggiormente gli effetti del Covid è stata la filiera del fresco: nel 2020 il 41% di frutta e verdura è andato disperso. Il 26% dei produttori conferma questo trend negativo che ha visto un aumento importante dello spreco di cibo.

"Un forte limite è dettato dalla scarsa predisposizione alla digitalizzazione da parte delle piccole e medie imprese che utilizzano ancora troppo poco le app e altre piattaforme per contenere lo spreco alimentare. Sono state però apportate alcune soluzioni positive durante la pandemia: il 50% dei produttori ha dichiarato di aver adottato misure per accrescere la durabilità del prodotto e ha scelto di ottimizzare la fase di stoccaggio degli alimenti. Il 39%, invece, chiede maggiori strumenti che possano contribuire a destinare più facilmente l'invenduto alle associazioni" afferma Fabio Iraldo, docente della Scuola Superiore Sant'Anna.

"Sono state intervistate 233 aziende del Made in Italy che rappresentano il tessuto economico italiano. Il 60% di queste realtà ha meno di dieci dipendenti. L'obiettivo di Metro Italia è quello di valorizzare il chilometro zero, creando delle partnership con le piccole e medie imprese che ci chiedono di instaurare una forte cooperazione con tutti gli anelli della catena del valore" commenta Marco Cosi, Responsabile ultrafresh e localismi di Metro Italia.

Indubbiamente la legge sullo spreco alimentare ha prodotto diversi benefici soprattutto in termini di prevenzione. Il provvedimento nasce per semplificare la burocrazia, rendendo più agevole la donazione di cibo e il rapporto diretto tra produttore e mondo dell'associazionismo. “Bisogna, però, fare di più sulla prevenzione dello spreco alimentare laddove risultano essere presenti piccole e medie imprese che non dispongono degli stessi strumenti in possesso della grande distribuzione. Non è un caso che durante la pandemia l'impatto in materia di dispersione alimentare più forte sia stato generato proprio dalle realtà imprenditoriali ridotte che contribuiscono alla valorizzazione del Made in Italy nel mondo" chiarisce Maria Chiara Gadda, prima firmataria della legge 166/2016 sullo spreco alimentare. Secondo la deputata "la filiera del Made in Italy deve essere più strutturata, investendo così in maniera strategica sulla prevenzione dello spreco alimentare. La pandemia, inoltre, ha colto impreparati soprattutto il comparto del fresco dove si è registrato lo spreco più significativo". "È fondamentale- afferma Gadda- investire sulla formazione dei consumatori. Troppo spesso succede che un alimento non venga acquistato perché in procinto di scadere. Questo è un atteggiamento sbagliato. È necessario saper leggere le etichette, evitando così di disperdere risorse alimentari e di produrre eccedenze". 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Ambiente

Tag:

Canali Social: