Mercato auto, continua il crollo: a marzo -29,7%

Pubblicato il: 06/04/2022
Autore: Redazione GreenCity

Primo trimestre in caduta del -24,4%. Mercato paralizzato in attesa della pubblicazione del DPCM sugli incentivi.

In base alle risultanze dell’Archivio Nazionale dei Veicoli del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, a marzo sono state immatricolate 119.497 autovetture nuove, con un calo del -29,7% rispetto alle 169.886 registrate nell’analogo mese 2021. Nel confronto del primo trimestre 2022 sull’anno precedente la perdita di immatricolato è del -24,4%, 338.258 contro 447.245 unità (-37% sul periodo ante pandemia gennaio-marzo 2019).
«Dopo il grande passo in avanti fatto dal Governo il mese scorso, attraverso la definizione di una strategia pluriennale per accompagnare il settore automobilistico nella sfida della transizione ecologica, estesa fino al 2030 e fondata sulla neutralità tecnologica, inclusiva anche di una politica degli incentivi per l’acquisto di veicoli non inquinanti, purtroppo il ritardo nella pubblicazione del DPCM con i criteri e la ripartizione delle risorse stanziate ha decretato la nona caduta consecutiva, a doppia cifra, del mercato auto», dichiara Adolfo De Stefani Cosentino, Presidente di Federauto, la Federazione dei concessionari auto.
«Infatti – continua De Stefani – il gap temporale tra l’effetto ‘annuncio’ di febbraio e l’incertezza sull’entrata in vigore dei nuovi incentivi sta impattando sulla domanda - già ridimensionata per effetto della pandemia, delle tensioni a monte delle catene di approvvigionamento e dell’impennata inflazionistica - riducendo fortemente la conclusione dei contratti di vendita».
«Ora, dopo le dichiarazioni al termine del Consiglio dei Ministri di ieri, secondo cui il DPCM incentivi vedrà la luce nei prossimi giorni, auspichiamo una rapidissima messa in linea della piattaforma digitale, gestita da Invitalia, per effettuare la prenotazione dei nuovi contributi e consentire un’agevole gestione dei contratti di vendita, sperando – prosegue De Stefani – in un recupero delle vendite perse tra gennaio e marzo (circa 109.000 pezzi), sebbene la riduzione dei ‘price cap’ (rispetto a quelli in vigore con gli ecobonus riconosciuti fino al 31 dicembre 2021) ridurrà, di fatto, le scelte green agevolate a disposizione della clientela e di conseguenza il ritmo di diffusione delle tecnologie a zero e basse emissioni nel canale privati».
«Infine, considerando l’esclusione delle società tra i beneficiari degli acquisti con incentivi (salvo il car sharing), riteniamo fondamentale avviare un confronto istituzionale per poter adeguare il penalizzante trattamento fiscale sulle auto aziendali applicato in Italia a quello maggiormente competitivo dei principali mercati europei. Crediamo che un alleggerimento fiscale, ispirato ad una logica green in misura delle emissioni di CO2 del veicolo, possa contribuire più velocemente all’immissione sul mercato del nuovo ma anche dell’usato di motorizzazioni a zero e basso impatto ambientale e al ringiovanimento del parco circolante auto, che ha un’età media di 11,8 anni ed è costituito per il 26% da vetture ante Euro 4», conclude De Stefani.
Con riferimento ai canali di vendita, a marzo i privati, in attesa di usufruire dei contributi statali, perdono ancora terreno (-29,7%) con una quota che scende al 61,6%, mentre nel primo trimestre di quest’anno la rappresentatività raggiunge il 61,7%. Anche le immatricolazioni a società calano del -29%, soprattutto per l’incidenza delle auto-immatricolazioni (-37,9%), con una quota che si attesta al 14,3%; a livello trimestrale la flessione tendenziale è del -21,5% (quota 14,5%). Infine, la negativa performance del noleggio (-29,5%) è da attribuire alla forte decrescita del segmento a breve termine (-54,4%); la quota di mercato del mese è pari a 24,1%, quella del primo trimestre 21,7%.
Anche sul fronte delle alimentazioni, i dati sono tutti negativi. Le autovetture elettriche, senza incentivi, si riducono del -38,8%, rappresentando il 3,7% del mercato mensile e il 3,3% di quello da inizio anno. I veicoli plug-in registrano un disavanzo del -9,6%, raggiungendo il 5,6% di quota nel mese e del 5,2% nel cumulato, mentre gli ibridi flettono del -17% e raggiungono il 5,6% di quota (5,2% nel cumulato). Le auto a benzina e diesel scendono in termini di volumi rispettivamente del -37,8% e -40,3%, arrivando a quote del 27,5% e 20,5% nel mese e del 27,1% e 20,2% sull’anno. Le autovetture a metano, causa i forti rincari del prezzo della materia prima, subiscono un arretramento del -70% nel mese e del -60,7% nel progressivo annuo, mentre solo quelle alimentate a GPL registrano un aumento del +8,7% a marzo e del +18,1% nei primi tre mesi del 2022.


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mobilità

Tag:

Canali Social: