Jaguar: solo auto elettriche già dal 2025

Pubblicato il: 29/06/2022
Autore: Redazione GreenCity

Con 10 anni di anticipo rispetto alla normativa europea, Jaguar abbandonerà la produzione di auto benzina e diesel.

Ben dieci anni prima del divieto di produzione di auto benzina o diesel, Jaguar ha annunciato he venderà solo auto elettriche.
“Con I-Pace – spiega il CEO di Jaguar Land Rover Italia, Marco Santucci - abbiamo lanciato il primo full electric SUV di lusso (nel 2018 molto prima della concorrenza) e, di fatto, aperto una nuova era per le auto elettriche.  Un cambio di immagine importantissimo per tutto il settore – conclude Santucci - perché prima dell’arrivo di auto di lusso elettriche, le vetture a batteria avevano un’immagine non di grande valore. Quella delle utilitarie con carrozzerie di plastica, da usare per piccoli spostamenti nei centri storici. Poi sono arrivate le auto di lusso a batteria da oltre 500 km di autonomia, con prestazioni mozzafiato, finiture raffinatissime, design futuribile”.
Trasformare la propria gamma in full electric, già a partire dal 2025, è una rivoluzione importante. E la dice lunga sull’approccio innovativo di Jaguar che ha deciso di ridisegnare l’intera gamma e proiettarla nel futuro mantenendosi però fedele al proprio DNA “Grace & Pace”, ovvero di vetture belle e potenti, ma aggiungendo anche uno dei valori che, negli anni attuali è praticamente un obbligo, ovvero quello della sostenibilità ben prima della imposizione normativa.
In questo difficile momento per il mondo dell’auto, in cui molti cercano di opporsi ai cambiamenti, l’approccio di Jaguar Land Rover è invece quello di cavalcare le novità. La preoccupazione per il settore è legata alle stime di tutte le Associazioni di Settore che denunciano la possibilità che si perdano per questo cambiamento, solo in Italia, 70mila posti di lavoro. Un problema enorme, ma che non si può addossare solo all’auto elettrica visto che il fenomeno è iniziato da tempo: nel decennio 2007-2016, quando la diffusione delle vetture a batteria era ancora tutta da realizzare, si sono prodotte in Italia la metà delle auto del decennio precedente.
La salvaguardia dei posti di lavoro non può, quindi, che avvenire con il sostegno dei governi. E’ impensabile che si cerchi di salvare posti di lavoro bloccando il progresso e la diffusione delle nuove tecnologie.
In questo solco, il gruppo Jaguar Land Rover punta, come dicevamo, a cavalcare questi cambiamenti con un portfolio di prodotti caratterizzati da un design “innovativo” e da un ecosistema completo, supportato da pioneristiche tecnologie di prossima generazione. Un esempio arriva dalla collaborazione di Jaguar Land Rover con Pramac, leader globale nel settore dell'energia, per sviluppare un'unità portatile di stoccaggio dell'energia a zero emissioni alimentata da batterie Jaguar I-PACE di seconda vita. Le applicazioni delle batterie al di fuori delle auto sono possibili perché le batterie di Jaguar Land Rover sono progettate secondo gli standard più elevati e possono quindi essere impiegate in modo sicuro in molteplici situazioni a bassa energia, una volta che la salute della batteria scende al di sotto dei severi requisiti necessari per far funzionare un veicolo elettrico.
Un altro esempio di tecnologie pioneristiche di prossima generazione è anche la partnership strategica pluriennale con NVIDIA, leader nell'intelligenza artificiale (AI) e nell'informatica, per sviluppare sistemi di guida automatizzata di nuova generazione, oltre a servizi ed esperienze abilitati dall'intelligenza artificiale.
A partire dal 2025, tutti i nuovi veicoli Jaguar e Land Rover saranno prodotti sulla piattaforma software-defined NVIDIA DRIVE, che offre un'ampia gamma di sicurezza attiva, sistemi di guida e parcheggio automatizzati e sistemi di assistenza alla guida.
Infine, proprio per limitare ulteriormente l’impatto ambientale, il Gruppo Jaguar Land Rover sta portando avanti da anni una importante partnership con Kvadrat (azienda leader nello sviluppo di tessuti ecosostenibili, raffinati ed estremamente piacevoli al tatto), oltre all’uso estensivo di alluminio riciclato nelle nostre vetture ormai da più di 10 anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mobilità

Tag:

Canali Social: