Immatricolazioni auto: a ottobre +14,6%

Pubblicato il: 04/11/2022
Autore: Redazione GreenCity

Nel periodo gennaio-ottobre il calo è -13,8%. L’Europa approva il divieto di vendita di veicoli a combustione interna al 2035 mentre in Italia le BEV continuano a perdere volumi (-48,5%) e quota (-3,9 p.p.).

Secondo i dati diffusi dal CED del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, ottobre ha consuntivato 115.827 immatricolazioni di autovetture, il +14,6% rispetto al pari periodo 2021. Il bilancio dei primi dieci mesi dell’anno segna una contrazione del -13,8%, ovvero 1.091.894 contro 1.266.795 unità del 2021, con una perdita di volumi di quasi 175.000 pezzi (-32,8% sul pari periodo gennaio-ottobre 2019).
«Il mercato auto è al terzo segno positivo consecutivo, espressione soprattutto del noleggio a lungo termine, considerando anche che da oggi sono possibili le prenotazioni degli ecobonus revisionati con il DPCM 4 agosto 2022 per gli acquisti di autovetture fino a 60 g/Km di CO2 effettuati dal 4 ottobre scorso, da parte di società di noleggio e persone fisiche con ISEE inferiore a 30.000 euro. In particolare, l’incremento degli importi per i cittadini rappresenta un segnale importante per garantire una maggiore accessibilità economica a veicoli il cui costo resta ancora molto elevato, ma la soglia reddituale appare troppo bassa per spingere quella fascia di clientela a sostituire su larga scala il proprio veicolo con uno elettrico o plug-in», ha dichiarato Adolfo De Stefani Cosentino, Presidente di Federauto, la Federazione dei concessionari auto.
«Inoltre, in uno scenario macroeconomico contraddistinto dalla persistente carenza di componenti e materie prime, inflazione da record, difficoltà logistiche e riduzione progressiva del potere di acquisto in termini reali – prosegue De Stefani – l’instabilità in cui versa il settore automotive, sia sul fronte della domanda che dal lato dell’offerta, deve richiamare l’attenzione del Governo a continuare l’azione di supporto al rinnovo del parco circolante obsoleto attraverso gli incentivi, lo sviluppo delle infrastrutture di ricarica elettrica, la semplificazione dei processi di ricarica, la riconversione delle aziende a monte e a valle della filiera, in particolare dal punto di vista delle competenze e delle conoscenze del personale, e soprattutto all’apertura di un confronto sulla reale possibilità di aumentare la percentuale di detraibilità dell’Iva e deducibilità dei costi delle auto aziendali a beneficio anche dei clienti privati del mercato dell’usato che avrebbero l’opportunità di godere di veicoli green relativamente giovani a costi decisamente più bassi».
«Infine – continua De Stefani – il rincaro esorbitante dei costi energetici, che continua a far lievitare in modo spaventoso le bollette elettriche, alimenta pericolosamente i timori sui margini operativi delle imprese e le tasche dei cittadini, mettendo a rischio un sano ed equilibrato sviluppo della mobilità elettrica, una transizione ecologica e sociale sostenibile e la competitività del Paese. In tale contesto, l’accordo europeo che bandisce la vendita di vetture e commerciali leggeri endotermici al 2035 lascia molti interrogativi, nonostante l’apertura verso i carburanti sintetici e la possibilità nel 2026 di verificare gli sviluppi tecnologici ai fini del raggiungimento degli obiettivi di azzeramento delle emissioni di CO2. Dal nostro punto di vista – conclude De Stefani – serve una certa elasticità politica, coerente e ragionevole per raggiungere gli obiettivi green europei, che riconsideri il contributo positivo derivante dall’evoluzione delle diverse tecnologie all’abbattimento delle emissioni di CO2 per non affidarsi esclusivamente all’elettrico puro. Le emissioni, infatti, vanno calcolate considerando il ciclo di vita della singola tecnologia e non solo la fase finale dello scarico dell’autoveicolo: un mix di tecnologie senza preclusioni ideologiche».
Sul fronte delle alimentazioni, le vetture benzina e diesel recuperano volumi nel mese (pari a +22,6% e +21,3%) e una rappresentatività che da inizio 2022 si posiziona rispettivamente a 27,9% (-2,39 p.p. rispetto a gen-ott 2021) e 19,8% (-2,97 p.p. rispetto a gen-ott 2021). I veicoli elettrici BEV soffrono una flessione sul mese del -48,5% (quota 3,2%) e perdono oltre un quarto dei volumi rispetto al cumulato 2021 (-27% e quota annua al 3,6%); le plug-in recuperano nel mese +23% ma nel progressivo annuo il calo è del -9,2% (quota 5,6%). Il GPL (+30,3% nel mese e +5,3% su base annua) si attesta all’8,7% di quota da inizio anno, mentre il metano continua nella rapida discesa (-66,2% mese e -64,9% nel consuntivo annuo) arrivando a rappresentare appena lo 0,9% in dieci mesi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di GreenCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mobilità

Tag:

Canali Social: